prosa

IL MALATO IMMAGINARIO

16 aprile 2020

IL MALATO IMMAGINARIO

l’ultimo viaggio

StivalaccioTeatro / Teatro Stabile del Veneto

con Sara Allevi, Anna De Franceschi, Michele Mori, Stefano Rota, Marco Zoppello

soggetto originale e regia Marco Zoppello

 

 

17 febbraio 1673. La quarta recita de Il malato immaginario non viene data a Corte, il favore del Re di Francia viene meno proprio quando al nostro Molière mancano le forze. Tra i lavoratori del Palais Royal si parla di annullare lo spettacolo, il Maestro non vuole andare in scena. A complicare la situazione un ritorno inaspettato: Madeleine Poquelin, figlia di Molière, fuggita dal convento dove era stata rinchiusa. Ma i comici della Compagnia dello Stivale non ci stanno e lo spettacolo ha inizio.

 

MI AMAVI ANCORA

20 marzo 2020

MI AMAVI ANCORA

produzione Synergie Teatrali

di Florian Zeller

con Ettore Bassi e Simona Cavallari

regia Stefano Artissunch

 

Lo scrittore e drammaturgo Pierre è morto in un incidente d’auto. Nel tentativo di mettere ordine ai documenti, Anne, la sua vedova, scopre gli appunti presi per la stesura di una futura commedia, che trattava di un uomo sposato, scrittore, appassionato ed innamorato di una giovane attrice. Fiction o autobiografia? Il dubbio e la domanda Mi amavi ancora ? si agita ed inizia un’indagine febbrile. Anne si persuade che il testo narri l’infedeltà di Pierre e inizia la ricerca della sua antagonista.

 

VAN GOGH

20 febbraio 2020 ore 20.45 - Prosa

VAN GOGH - L'odore assordante del bianco

SOLD OUT

Khora Teatro in co-produzione con Teatro Stabile d’Abruzzo

di Stefano Massini

con Alessandro Preziosi

regia di Alessandro Maggi

Siamo nell’ospedale psichiatrico di Saint-Paul-de-Manson, in Provenza, nel 1889: in una stanza bianca vive Vincent Van Gogh, ridotto a uno stato di totale frustrazione a causa delle allucinazioni che scaturiscono dalla sua mente e dei divieti assurdi impartiti dai medici. In questo labirinto soffocante, in cui entra anche lo spettatore, Van Gogh porta avanti una guerra contro il mondo, ma soprattutto contro di sé perché i suoi stessi pensieri sono le mura di una prigione da cui fuggire.

 

APERìTOSTI: APERITIVO SOLIDALE con Alessandro Preziosi.

(Acquisto e ritiro ticket* aperitivo presso il botteghino del teatro F.P.Tosti entro e non oltre il 19 febbraio 2020.

Orario botteghino: martedì, mercoledì e venerdì 18.00/20.00 – giovedì e sabato 10.30/13.00 *non è possibile la prenotazione telefonica e/o mail)

Il teatro F.P.Tosti, in occasione dello spettacolo “Van Gogh. L'odore assordante del bianco” con Alessandro Preziosi ha accolto l'invito dell'associazione ADRICESTA Onlus – Associazione Donazione Ricerca Italiana Cellule Staminali Trapianto e Assistenza.

Nello specifico dalle ore 18.00 alle ore 20.30 sarà possibile consumare l'Aperìtosti che, SOLO PER QUESTO EVENTO avrà il costo di 20 euro (10 euro costo aperitivo + 10 euro a favore dell'associazione).

Precisiamo che l'attore parteciperà all'aperitivo dalle ore 18.45 alle ore 19.30. POSTI LIMITATI.

“un Buco nel muro” e “un sogno in corsia” sono progetti istituzionali e sempre attivi. Con questo Aperitivo vogliamo restare più vicini al territorio, e la raccolta sarà devoluta al Centro di Riferimento Regionale di Diabetologia Pediatrica - Ospedale SS. Annunziata di Chieti, diretto dal dott. Stefano Tumini, che interverrà all’evento. Nel fare questo l'associazione si avvale del testimonial ALESSANDRO PREZIOSI.

L’ADRICESTA Onlus, costituitasi nell'anno 2004, iscritta all'Albo del Volontariato e con Persona Giuridica Nazionale iscritta al Registro Prefettizio, raccoglie fondi per migliorare i servizi ospedalieri e promuove anche progetti nazionali come:

"Un Buco nel Muro", per dotare le stanze di isolamento dei reparti di oncoematologia pediatrica di sistemi di videocomunicazione, contro la solitudine al quale sono costretti i bambini per motivi terapeutici

"Un Sogno in Corsia", per esaudire i sogni dei Bambini malati terminali o con patologie gravi, quest'ultimo premiato nel 2008 con targa di riconoscimento del Presidente della Repubblica e realizzato in 25 Ospedali Italiani.

Tutti i Progetti dell'Associazione sono rivolti al miglioramento dei servizi assistenziali della degenza ospedaliera, all'accoglienza tramite l'ammodernamento degli arredi e delle attrezzature o dotando i reparti di personale specializzato, su richiesta dei dirigenti Medici.

La Bibbia riveduta e scorretta

10 gennaio 2020 ore 20.45

LA BIBBIA RIVEDUTA E SCORRETTA

produzione Agidi

Scritto da Davide Calabrese, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli. Regia di Giorgio Gallione. Con gli Oblivion.

NOVITA’: possibilità di prenotazione aperitivo pre-spettacolo ( ore 20.00) al num. 085/4212125

Germania 1455, Johann Gutenberg introduce la stampa  a caratteri mobili creando l’editoria e inaugurando di fatto l’Età  Moderna. Conscio  della portata rivoluzionaria di questa scoperta, Gutenberg sta per scegliere il primo titolo da stampare. Al culmine della sua ansia da prestazione bussa alla porta della prima stamperia della storia un Signore. Anzi, il Signore, Dio in persona. Inizia così l’esilarante musical degli Oblivion dissacrante come sempre, che lascerà il pubblico senza fiato.

PESCE D'APRILE

12 dicembre 2019 ore 20.45

PESCE D'APRILE

produzione Art Show

con Cesare Bocci e Tiziana Foschi

regia Cesare Bocci

supervisione alla regia Peppino Mazzotta

Pesce d’aprile è il racconto di un grande amore che la malattia ha reso ancora più grande: un’esperienza, toccante, intima e straordinaria di un uomo e di una donna che non si danno per vinti quando il destino sconvolge la loro esistenza. I protagonisti si mettono a nudo svelando le loro fragilità. Tra le differenti scene si delinea, così, l’immagine di una donna prigioniera di un corpo che non le obbedisce più e che lotta per riconquistare la propria vita, con il suo uomo accanto.

 

QUARTET

21 novembre 2019

QUARTET

Bis Tremila e Compagnia Moliere

di Ronald Harwood

regia di Patrick Rossi Gastaldi

con Giuseppe Pambieri, Paola Quattrini, Cochi Ponzoni, Erika Blanc

 

Una commedia ambientata in Italia, culla del bel canto, con protagonisti quattro grandi interpreti d’opera. Famosi, energici e divertenti, vivono ospiti in una casa di riposo. Cosa accade quando a queste vecchie glorie viene offerto di rappresentare per un galà il loro cavallo di battaglia, il noto quartetto del Rigoletto di Verdi “Bella figlia dell’amor”? Grazie al classico coup de théâtre, i quattro troveranno il modo di far ascoltare le loro voci, riscoprendosi gloriosi come un tempo.

L’ARMINUTA

24 ottobre 2019

L’ARMINUTA

Teatro Stabile d’Abruzzo

dal romanzo di Donatella Di Pietrantonio

regia di Lucrezia Guidone

 

ll TSA investe sul talento con questa nuova produzione che parte dal meraviglioso romanzo di Donatella Di Pietrantonio vincitore del Premio Campiello. “L’arminuta”, una storia che parla di vita, di appartenenza, di amori e di rabbia in un Abruzzo poco conosciuto, ruvido e vero. In prima persona la giovane protagonista narra la sua insolita storia. Lei è l’arminuta, la ritornata, colei che da una vita di città, che ha sempre creduto la sua, torna nel paesello d’origine alla sua famiglia naturale.

Sottoscrivi questo feed RSS
close

Iscriviti alla nostra mailing list!

per ricevere aggiornamenti e informazioni; Attenzione: per poter completare l'iscrizione alla mailing list sarà necessario confermare cliccando sul link che si riceverà automaticamente per email. Controlla anche nella cartella SPAM per poterla trovare.

Privacy Policy & Termini d'uso
Potrai cancellare la tua sottoscrizione in ogni momento